Christoph von Bernuth è regista di opera lirica ed era da 2010 fino le 2014 il direttore dell’opera dell’Innsbrucker Festwochen der Alten Musik, festival di musica antica che ha luogo ogni anno a Innsbruck, capoluogo del Tirolo austriaco. Da la stagione 2016/17 è il nuovo direttore artistico ed amministrativo del teatro nazionale da Oldenburg.

Di recente, ha sviluppato una versione scenica da The Fairy Queen da Purcell con il coro RIAS Kammerchor e l'Akademie für Alte Musik Berlin sous la direzione da Rinaldo Alessandrini nella Philharmonie Berlin. Una produzione acclamata dal pubblico e la stampa.
Nel 2014 ha creato e messa in scena con grande successo la Festa Teatrale Der goldene Apfel presso il festivale Musikfestspiele Potsdam Sanssouci. L'estate 2013 ha messa in scena l'opera di Mozart La clemenza di Tito al Festivale di Innsbruck. Tra le sue ultime regie si ricordano anche La serva padrona di Pergolesi nel 2010 e Pimpinone di Telemann nel 2011 a Innsbruck. Nel 2011 ha allestito all' Opera di Toulouse con grande successo il Belshazzar di Haendel con René Jacobs e sopratutto Il Paride di Bontempi, allestimento premiato dal pubblico e dalla critica, al Festival di musica antica di Potsdam e di Innsbruck. Nel 2012 presenta una nuova messa in scena da La Dirindina di Domenico Scarlatti sotto la bacchetta del direttore artistico del Festival di Innsbruck, Alessandro De Marchi.

E 'co-fondatore del Concorso Internazionale di Canto Barocco Pietro Antonio Cesti al Festival di Musica Antica di Innsbruck, che si rivolge a giovani cantanti provenienti da tutto il mondo. Inoltre, è co-fondatore del progetto annuale Opera Baroque:Giovane, una produzione scenica per giovani cantanti al Festival di Innsbruck.

Nei primi anni è assistente alla regia di registi del calibro di Willy Decker, George Tabori, Nikolaus Lehnhoff, Phillip Arlaud, Jean- Louis Martinoty e Ursel e Karl- Ernst Hermann, lavora sulla scena e contribuisce all’organizzazione amministrativa degli spettacoli al Dresdner Musikfestspiele, all’Opéra National de Paris, al Schwetzinger Festspiele, al Théatre de Bâle, all’Opéra de Montpellier, all’Opera di Colonia e alla Staatsoper di Berlino.

Nel 2000 è assunto dalla Staatsoper di Amburgo e lavora con Peter Konwitschny, Tilman Knabe, Vera Nemirova, Christof Nel e di nuovo con Nikolaus Lehnhoff e con Willy Decker. Accanto al suo lavoro sulle scene della Staatsoper, egli si occupa della regia di attore e di giovani cantanti dell’opera studio della Staatsoper. Come regista e assistente lavora presso l’Innsbrucker Festwochen, Kampnagel di Amburgo, il festival di musica antica zeitfenster a Berlino come il Teatro de Lyon, la Scala di Milano, il Festspielhaus di Baden-Baden, il Festival d’Aix-en Provence e l’Opéra di Dresde.

Oltre la sua lingua madre tedesco, parla correntemente l'inglese, il francese e l'italiano. Christoph von Bernuth è nato a Rochester/Minnesota, Stati-Uniti e vive a Colonia.